Tuesday, January 29, 2008

e poi vado a mangiare lo giuro

e bravo piras, questa volta ti sei meritato un premio, e così la tua democristianicità verrà accantonata, e tornerai ad essere uomo di sinistra... felicitazioni!

poche cose che poi mi aspetta la pasta al pesto...

pregio: per quanto la commessa del negozio dove ho comprato i pantaloni, della quale mi sono innamorato e con la quale ho anche scambiato due simpatiche e potenzialmente interessanti chiacchere, mi abbia addolcito assai la giornata, non posso esimermi dal risponderti in merito al mio paladino...
che tu chiami politico forrest gump creato da prodi, al quale ti sentiresti di preferire forse i politici da cerone creati dal cavaliere? vuoi ricordarti che l'alternativa a soru era il signor mauro "copia-e-incolla" pili, e il probabile prossimo presidente della sardegna sarà emilio "formula3000" floris? parli di un dittatore che sostituisce le cariche dell'amministrazione pubblica? be io lo vedo più come uno con le idee chiare e le palle quadrate (si, chiamiamolo pure dittatore) che elimina sprechi da milioni di euro causati da enti inutili e non funzionali, un cancro dell'intera società che sembra trarre ispirazione da ben più problematiche regioni del sud italia. ci si lamenta degli sprechi, ma quando essi vengono eliminati ecco che coloro che ci mangiavano si lamentano... un dittatore che non sia di destra ne di sinistra, ma che usi il potere che tu imputi ad un fascista per bloccare senza appello la lottizzazione selvaggia del territorio della sardegna, che non è ne di destra ne di sinistra. sai cosa è fascista? le imprese e le compagnie che progettano di trasformare la sardegna in una costa brava italiana, che vogliono i sardi esclusivamente come manodopera e servitù per chi della sardegna conosce solo la piazzetta di porto cervo! la cultura ecologista e attenta al territorio, la cultura di chi pensa alla propria gente auspicandole un futuro migliore che quello di cameriere o cuoco, la cultura di chi vede nell'amministrazione regionale qualcosa di snello, organizzato funzionalmente ed efficace, ecco qual'è la cultura di sinistra!
da cittadino mi aspetto qualcosa dal governo della mia regione, e quel qualcosa non è la sardegna capitale del jet set mediterraneo! la destra che mi propone le navi da crociera, le gare di motonautica e le gare di formula uno, i centri commerciali e i locali alla moda: fanculo! soru mi propone orgoglio, cultura e funzionalità! se tiscali guadagna o perde in borsa non mi riguarda, mi riguarda se la sardegna viene amministrata bene, ed è quello che sta avvenendo!
la dimostrazione di quanto dico è che soru sta venendo isolato dai suoi stessi colleghi di sinistra, che non lo riproporranno, perchè sta attaccando la tranquillità della vecchia amministrazione, quella del magna-magna...

mi permetto di citare il suo intervento al festarch del luglio 2007, in merito a quanto detto dall'architetto mendez da rocha a proposito delle possibilità di sviluppo di cagliari:

"Che idea abbiamo di città? Vogliamo fare una città per i turisti? O vogliamo fare una città innanzitutto per noi stessi? Con un carattere fortissimo, che poi sia anche capace di attrarre i turisti, ma che abbia un carattere al di là dei turisti. Vogliamo fare una città il cui carattere sia quello di essere la città dei turisti, o vogliamo fare una città che è la città dei cagliaritani, la città della Sardegna, e poi arrivino anche i turisti. E per immaginare un carattere della città credo che abbia suggerito di affrontare il carattere, se volete più difficile e anche più impegnativo: quello di darsi un carattere legato all'investimento sui giovani, legato alla conoscenza, legato alla ricerca, un carattere di sfida, anche, verso altre città e verso altre regioni, verso altri paesi. Dire: 'Beh, siamo in un'isola, guardiamo il mare, ebbene, qui vogliamo farci la più bella Università di Scienze del mare'. Certo che è difficile, forse è anche impossibile, forse non saremo mai capaci di farla. Però, sfida per sfida, piuttosto che avere la sfida di fare un'altra Nizza, io tutto sommato avere la sfida della città che ha l'Università del mare più bella del mondo, e che la gente ci conosca non per avere un'altra promenade, dove si faccia un altro festival del cinema, ma la gente ci conosca perché magari, a Cagliari, si studiano le scienze del mare come in nessun'altra parte del mondo."

No comments: