Wednesday, March 19, 2008

Metti 'na croce

leggevo il penultimo post di charlie e pensavo che un due orette fa ho avuto modo di sentire le sue stesse parole... taxi perché la voglia di fare diecimila scalinate sottoterra con la valigia era poca, traffico bastante e allora uno si mette a romper le scatole all'autista, che non si fa pregare e si lascia trascinare a parlar di elezioni di politica... tralascio il "voi italiani non vi capisco, ma anche qui in spagna la si finirà così", il caro tassinaro ha espresso le tue stesse parole, cioé che per andare a votare ci vorrebbe un permesso, bisognerebbe insomma superare una selezione. Fermo restando che sempre meglio questo dell'aberrazione elettorale yankee, questa idea a me fa un pò paura. Partiamo da tanto tempo fa: la democrazia in Grecia non era imperfetta ne correttissima, semplicemente per "popolo" plenipotenziario si intendeva una ristretta cerchia di persone con caratteristiche ben particolari. Facendo un salto che superi pure il diritto di voto femminile (con buona pace delle suffragette, serviva anncquare schieramenti e contrapposizioni troppo forti, nulla di filantropico), qui non penso si possa applicare lo stesso campo di valori e idee utilizzabile per mondo intellettuale o lavorativo, qui si tratta del fatto che (fortunatamente) si vive in uno stato per cui non c'é voto migliore o peggiore, come van cianciando il maskarato e kattoantekomuoratrankuo , ma c'è semplicemente il Diritto puro e semplice, che in quanto tale, nella nostra società (di cui ci lamentiam tanto ma comunque a tanti, i più, facciam dieci a zero), é esteso a tutti. Restringendo o creando degli spartiacque, anche solo mentali, si getterebbero le basi della prevaricazione legittimata. Fermo restando che per certi esemplari umani la lobotomia sarebbe un favore, non una tortura o un'umiliazione. E mo la smetto di fare il serio, e dico che comunque, per uno che guarda maria de filippi una sana coercizione sociale ci vorrebbe, anche perchè dopo anni l'altro pomeriggio ho avuto il coraggio di guardarne una decina di minuti, E DI SEGUITO, e credo di aver provato un mix di pena, disgusto, vergogna, ilarità e incredulità... tutto in contemporanea con quelle scene semplicemente assurde, annichilenti. Che cosa terribile. Buenas.

No comments: